Anonymous: questa volta è il turno di Enel

0
124

Stavolta gli anonymus hanno preso di mira enel, noto fornitore di servizi di energia e gas! Ieri alle 20:30/20:40 tutti i siti enel erano off-line!

Ecco il comunicato ufficiale nel loro sito:

Già qualche tempo fa #OperationGreenRights ed Anonymous si sono battuti contro i progetti idroelettrici di ENEL in Guatemala e nella Patagonia cilena. Migliaia di ettari saranno inondati ed il clima della patagonia sarà sconvolto con enormi ripercussioni globali.Nel caso del Guatemala era coinvolto il popolo indigeno degli Ixil che, dopo essersi visti più volte aggrediti da uomini armati, hanno dovuto abbandonare le proprie terre. Mai gli Ixil sono stati consultati in merito ai progetti di ENEL, ciò viola i diritti dei popoli indigeni.
Oggi ENEL, e le aziende da essa controllate, ENDESA, Emgesa , stanno iniziando i lavori per la costruzione di una megadiga sul rio grande la Magdalena, fiume che attraversa gran parte della Colombia. Oltre 8000 ettari della riserva naturale dell’ Amazonia saranno inondati. La portata del Rio Grande La Magdalena sarà ridotta e la fertilità delle terre che si trovano lungo il suo corso di 1500 km, sarà compromessa. La diga, alta 150 metri, risulterà inutilizzabile tra 20 anni generando per le citate aziende energetiche un ricavo di 2200 milioni di dollari. L’intera regione vedrà la sua sicurezza alimentare a rischio con una perdita immediata di almeno 472 milioni di dollari. Migliaia di contadini, pescatori, braccianti perderanno le loro case ed il proprio lavoro. Anche in questo caso le popolazioni locali non sono state consultate in merito ai progetti. Le proteste, pacifiche, degli abitanti sono state represse con la forza ed un manifestante ha perso l’occhio destro.
Emgesa-ENEL-Endesa con le loro megadighe stanno devastando importanti ecosistemi in sud america, sono arroganti e sanno di poter contare su risorse illimitate quelle che milioni di persone pagano all’ ENEL come azienda pubblica con le loro tasse.
Così con la complicità dei governi le grandi industrie rendono corresponsabili difronte all’opinione pubblica mondiale tutti i cittadini di uno stato, costringendoli a diventare complici dello sfruttamento e della disperazione di migliaia di altri esseri umani spesso portatori di culture antiche e pacifiche.
Questa protervia dei potenti delle industrie funzionale al bieco fine di accumulare denaro non potranno che suscitare nuove manifestazioni pacifiche di dissenso.
Governi della terra signori delle industrie, col suo dissenso Anonymous esprime la sua totale contrarietà ai vostri immondi progetti.
A voi che guardate a tutto ciò che esiste come un bene dà vendere o dà comprare in nome del vile profitto economico diciamo: mai una massa di banconote potrà sostituire la bellezza della natura incontaminata, mai il vostro sporco denaro cancellerà la necessità della protesta contro lo sfruttamento dell’uomo e del pianeta.


Ti potrebbero interessare:

mm
CEO e fondatore del sito Chiccheinformatiche. Appassionato da anni all’informatica, è un programmatore esperto con la passione per le novità e gli aggiornamenti. Diplomato presso l’ITIS, vanta la realizzazione di software e applicazioni per computer e dispositivi mobili. Con una comprovata esperienza nell’ambito dei sistemi di rete, è esperto anche in hardware e installazioni di network. Oltre all’informatica ha un’altra grande passione, il calcio, che coltiva allenando una squadra di categoria dilettante con enormi soddisfazioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

NOTA BENE: tutti i commenti che inserisci entrano a far parte di una coda di moderazione e quindi se non li vedi è del tutto normale. Devi aspettare che l'amministratore del sito li veda e li approvi (con relativa risposta). Per questo motivo si è pregati di inviare un solo commento per volta per non intasare il sito di commenti doppi. Tranquilli! Rispondiamo a tutti. Dateci solo il tempo :)

Notificami per e-mail

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.