Anonymous ha accesso a tutti i database del Governo USA!

Inseriti dal magazine Time nella Top 100, responsabili di numerosi attacchi a siti istituzionali…e fanno parlare ancora di sè: sono gli Anonymous e nel caso specifico di un loro componente, conosciuto col nick Commander X, Christopher Doyon.

Attualmente rifugiato in Canada per nascondersi dagli agenti federali americani, dopo l’arresto avvenuto in California per un assalto informatico di protesta al sito della Contea di Santa Cruz, rischia 15 anni di galera in patria per 30 minuti di downtime. Fuggito in Canada con l’aiuto di colleghi hacktivisti, ha rilasciato un’intervista al giornale locale National Post al quale ha fatto rivelazioni scottanti.

Innanzitutto ha ammesso di avere al suo servizio una folta schiera di informatori, attraverso i quali riesce ad avere accesso ad importanti database, tra cui quello del governo degli Stati Uniti. Non tutte le informazioni in possesso dell’organizzazione Anonymous derivano da attacchi  informatici, che rappresentano soltanto un secondo escamotage per recepire le notizie essenziali.

Christopher Doyon garantisce che le informazioni saranno rese pubbliche quanto prima e si discolpa dall’accusa di terrorismo, in quanto non esiste una forma di terrore che può essere attuata con l’informazione. 

Che si tratti di un delirio di onnipotenza di un cyber-criminale in fuga o che sia pura verità staremo a vedere; intanto nel bene o nel male se ne parla sempre.

 




Reply