Android: Origini e curiosità

Android. Nato come concorrente più diretto di iOS di Apple, questo robottino verde è con noi ormai da quasi 10 anni (o anche di più se consideriamo la sua primissima forma!). Parliamo un po’ delle sua origini e di qualche curiosità che riguarda questo dolce sistema operativo.

Android: l’origine

Android è nato nel 2003 in una compagnia fondata da Chris White, Nick Sears, Rich Miner e Andy Rubin. Il nome della compagnia? Sempre Android. L’idea era su una base completamente differente: questo sistema operativo era nato per ottimizzare le funzioni delle fotocamere. Non c’era affatto l’idea di proporre e sviluppare un sistema operativo per cellulari.

Ma c’era qualcosa di più. Un potenziale che Android poteva sviluppare oltre ogni misura. Google inizia ad interessarsi del lavoro effettuato nel Team, soprattutto dopo una dimostrazione della flessibilità di Android in una fotocamera connessa via Wi-Fi ad un singolo PC.

Nel 2005, l’azienda viene acquistata e in completo silenzio s’inizia a sviluppare quello che è stato definito come “Android OS”. L’idea era di usare un contenuto completamente Open Source (attraverso anche l’uso di Linux) così da offrire una solida competizione con quello che l’Apple stava tenendo in sperimentazione da qualche tempo.

Nel 2007 Apple presenta iPhone

Arriva così il 2007, e l’Apple presenta l’iPhone. Il suo sistema operativo prende il nome di iPhone OS 1 e rappresentava il prossimo passo al termine “Smartphone” nei confronti del mondo.

Android esce l’anno dopo, sul suo primo cellulare: l’HTC Dream.

Un cellulare curioso ma “intelligente” in tanti aspetti. Da allora ne è passata d’acqua sotto i ponti, e siamo arrivati ad Android Oreo.

Nomi di dolci per Android: perchè?

Ma perché tutte le versioni di Android hanno dei dolci nel nome?

Ci sono diverse ragioni che racchiudono questa scelta, nessuna particolarmente approvata. In un intervista è stato detto che gli Smartphone “rendono più comode (perciò dolci) le nostre vite” e come tale Android ha nomi riferenti continuamente a dei dolci.

Un’altra ragione è stata per scelta d’usare nomi semplici e/o preferiti ad alcuni sviluppatori di snack e dolci (Come “Petit Four”, un dessert francese, da noi conosciuto meglio come i biscottini alla pasta di mandorle) per riuscire ad identificare più velocemente una particolare versione di Android.

Perché il logo rappresenta un personaggio simile?

Irina Blok, la persona che ha creato il logo, ha raccontato che Google gli ha semplicemente ordinato di creare un personaggio “che ricordi un robot”. Ha poi preso ispirazione dai simboli presenti sulle porte dei gabinetti, il tipico omino / donna usati per distinguere il tipo di bagno.

Una statua d’un dolce viene posizionata nell’area verde del centro visitatori di Google, per ogni edizione di Android rilasciato. E’ tutto iniziato con la prima versione “Pubblica” di Android sotto il nome d’un dolce, ovvero Cupcake.

Chi può dire quale sarà il prossimo “dolce” di Android? Al momento “P” è tutto ciò che sappiamo.




Reply