Amazon il nuovo Google?

Nella storia della tecnologia le battaglie fra aziende sono sempre state all’ordine del giorno. Con il passare del tempo nuove compagnie si sono imposte in vari settori, ma poche poi in realtà sono sopravvissute alla legge di “INTERNET”.

Una delle aziende che è sopravvissuta sia alle battaglie che alla concorrenza è stata sicuramente Amazon.

Questo nome è diventato improvvisamente famoso in Italia prima delle feste natalizie dello scorso anno, quando l’azienda ha aperto la versione italiana del suo sito (effettuavano comunque spedizioni verso il nostro Paese anche in precedenza).

Per chi ancora non lo conoscesse, stiamo parlando di uno dei più grandi siti online di vendita di libri e CD musicali. Già nei primi anni della sua vita il sito ha però espanso il suo portafoglio anche a computer, telefoni, elettrodomestici, oggetti per la casa, abbigliamento sportivo, oggetti da giardinaggio e tantissime altre categorie di prodotti.

Il sito propone tutto il suo catalogo a prezzi molto competitivi,  permettendo in alcuni casi anche di acquistare oggetti usati attraverso dei negozi intermedi. Nel tempo, una delle sue ultime fonti di reddito è diventato un servizio di musica MP3 che permetteva l’acquisto della propria musica preferita direttamente dallo store online o dal proprio smartphone. Purtroppo questo servizio è rimasto una prerogativa del pubblico statunitense, così come il nuovo store di applicazioni per Android: Amazon AppStore.

Poteva però mancare, a un sito nato come negozio di libri, un software per leggere libri in formato e-book? Ovviamente no.

Questo prodotto si chiama Kindle Reader e prende il nome dai tablet Kindle che l’azienda vende a prezzi molto contenuti e che sono esplicitamente studiati per permettere una lettura confortevole dei libri elettronici.

L’ultimo di questi prodotti si chiama Kindle Fire, è basato su Android ed è stato completamente rivisto per sfruttare nel modo più integrato possibile tutti i servizi di Amazon: MP3 store, App Store, Kindle Reader e lo spazio online che viene reso disponibile per salvare i propri file. Il costo è contenuto: solo 199 dollari. La brutta notizia per voi che leggete è che il prodotto è disponibile solo negli Stati Uniti e che, se anche doveste riuscire a procurarvene uno, i servizi non potrebbero funzionare con un account Amazon italiano.

Questo lungo preambolo è servito a un solo scopo: dire che Amazon piano piano sta prendendo posto in un panorama di aziende che offrono servizi e prodotti di qualità e che sfruttano molte delle tecnologie più recenti per rendere i loro servizi sempre migliori e più interessanti.

E guarda caso fra queste aziende ci sono anche Google e Apple, che dovranno sicuramente guardarsi le spalle.

Amazon potrà fare paura.

Fonte: AndroidWorld




Tags:

Rispondi

Notificami per e-mail

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.