Adolescenti in rete: 3 ore al giorno rappresentano un rischio

Il 69esimo Congresso Nazionale Sip (Società italiana di pediatria) di Bologna ha lanciato un allarme sul rapporto tra adolescenti e Internet.

Secondo quanto pubblicato nello studio “Abitudini e stili di vita degli adolescenti italiani”, in cui si prendono in considerazioni alunni della terza media delle scuole italiane, oltre il 21% dei ragazzi presi in esame, trascorre su Internet più di 3 ore al giorno.

Questo “impegno giornaliero” on line corrisponde con i profili di ragazzi a rischio, con disturbi alimentari, con un profitto scolastico preoccupante e che, in generale, assumono comportamenti rischiosi.
Il professor Tonioni, responsabile del Centro per le Dipendenze da Internet del Policlinico Gemelli di Roma, ha sottolineato che non si tratta di situazioni patologiche, ma che risulta necessario porre la massima attenzione in questi casi: i genitori, innanzitutto, dovranno mostrare polso e imporre regole restrittive sull’uso del web, senza mostrarsi compiacenti o comprensivi.

grafico-adolescenti-internet

Inoltre molti adolescenti,  secondo il risultato dello studio  “EU Kids On Line”, finanziata dal Safer Internet Programme della Commissione Europea, si dichiarano scossi dai contenuti della rete, soprattutto riguardo la pornografia e le scene violente. 




Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.