Adobe acquisirà Magento

0
77
adobe magento

Adobe fa shopping e compra il noto CMS per la gestione di ecommerce alla cifra di 1,68 miliardi di dollari

Adobe ha annunciato ieri di aver acquisito Magento per 1,68 miliardi di dollari. L’acquisto conferisce ad Adobe una parte mancante della piattaforma di e-commerce che funziona in contesti B2B e B2C e dovrebbe adattarsi perfettamente all’Excity Cloud dell’azienda.

Cos’è Magento

Per chi non lo sapesse Magento è un CMS open source per l’e-commerce lanciato il 31 marzo 2008 ed è costruito con Zend Framework. È pubblicato con licenza Open Software License versione 3.0 e, ad oggi, secondo delle stime, ad utilizzarlo sarebbero circa 250.000 commercianti in tutto il mondo. Questa quota rappresenta circa il 30% della quota di mercato totale.

Magento attualmente esiste in 2 versioni:

  • C’è la versione gratuita, che vanta una folta community di sviluppatori
  • C’è la versione a pagamento che comprende servizi aggiuntivi, tra cui la possibilità di utilizzare l’ecommerce nel cloud senza la necessità che il cliente debba preoccuparsi della parte tecnico-sistemistica.

Adobe potenzia il comparto e-commerce

Questa mossa dovrebbe aiutare Adobe a competere con Salesforce, che offre la propria offerta di marketing, vendite e servizi nel cloud e che ha acquistato Demandware per oltre 2 miliardi di dollari nel 2016 per fornire un insieme simile di funzionalità.

L’obiettivo di Adobe è chiarissimo: integrare una soluzione ecommerce di alto livello nella suite Experience Cloud, che conta un insieme di strumenti di marketing digitale tra cui strumenti di analisi dei dati e di advertising.

Al momento Adobe non ha reso noto se continuerà a fornire la versione “gratuita” del prodotto e se potenzierà e aggiornerà soltanto quella a pagamento. Gli sviluppatori che contribuiscono energicamente alle correzioni della piattaforma e alla creazione dei plugin sono in trepida attesa in merito ai piani di business, che molto probabilmente verranno resi pubblici alla chiusura dell’operazione.

La speranza è che Adobe ritenga importante mantenere operativa la versione open-source di Magento, in modo che gli sviluppatori possano continuare a integrarla e migliorarla.


Ti potrebbero interessare:

mm
CEO e fondatore del sito Chiccheinformatiche. Appassionato da anni all’informatica, è un programmatore esperto con la passione per le novità e gli aggiornamenti. Diplomato presso l’ITIS, vanta la realizzazione di software e applicazioni per computer e dispositivi mobili. Con una comprovata esperienza nell’ambito dei sistemi di rete, è esperto anche in hardware e installazioni di network. Oltre all’informatica ha un’altra grande passione, il calcio, che coltiva allenando una squadra di categoria dilettante con enormi soddisfazioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

NOTA BENE: tutti i commenti che inserisci entrano a far parte di una coda di moderazione e quindi se non li vedi è del tutto normale. Devi aspettare che l'amministratore del sito li veda e li approvi (con relativa risposta). Per questo motivo si è pregati di inviare un solo commento per volta per non intasare il sito di commenti doppi. Tranquilli! Rispondiamo a tutti. Dateci solo il tempo :)

Notificami per e-mail

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.