Addio al roaming internazionale in Europa entro il 2015

L’Unione Europea ha votato a favore dell’abolizione dei costi maggiorati per la navigazione Internet col proprio operatore quando ci si trova in Europa, ma al di fuori della propria nazione.

Questa misura rientra in un pacchetto di riforme più ampio, proposto dal commissario delle Nazioni Unite Neelie Kroes sotto il nome di “Connected Continent”, che punta a facilitare la creazione di una rete tra gli operatori europei.

Dai primi giorni del 2016, quindi, chiamare da e verso i paesi europei non costerà più un occhio della testa, dato che saranno eliminati questi costi aggiuntivi. La Commissione Europea ha lavorato a lungo per ottenere questo obiettivo, a favore degli utenti, che scontenterà invece non poco le Telco.

Neelie Kroes, Vicepresidente della Commissione europea, ha dichiarato

Con questo voto l’UE fa qualcosa di concreto per i cittadini. L’Unione europea è proprio questo: eliminare le barriere per semplificare la vita e ridurre i costi. Quasi tutti noi dipendiamo oramai quotidianamente dalle connessioni mobili e internet. Abbiamo il diritto di sapere che cosa acquistiamo, senza essere imbrogliati e con la possibilità di cambiare idea. Le imprese, dal canto loro, devono poter servire tutti noi e questo regolamento le aiuta a farlo. Si tratta di una soluzione vantaggiosa per tutti. Nel 2010 ho promesso di abolire le tariffe di roaming entro la fine del 2015 e adesso siamo a un passo da questo risultato.Oltre alla barriera ben visibile del roaming, saranno presto abbattute molte altre barriere affinché i cittadini europei possano comunicare in modo aperto e senza soluzione di continuità, ovunque si trovino”.



Ti potrebbe interessare:


Reply