WhatsApp, ecco tutti i divieti dell’app che probabilmente non sapete

Tutti i giorni siamo li a scrivere alle nostre fidanzate, mogli, amici, conoscenti, parenti, dei brevi messaggi di testo. I classici SMS oramai sono superati e lo strumento che più utilizziamo(almeno per la maggior parte degli utenti) è sempre e soltanto uno: Whatsapp Messenger

Ma lo sapete che ci sono dei divieti? Sapete quali sono?

Eccone alcuni:

VIETATA AI MINORI DI 16 anni: Il suo utilizzo è inibito ai minori sotto i 16 anni. Secondo un recente sondaggio si Mec-Skuola-net, il 70% dei ragazzi con meno di 16 anni utilizza Whatsapp quotidianamente.

Vietato l’invio di messaggi e contenuti di natura pornografica, razzista, offensiva, minacciosa, illegale e diffamatoria ed è, inoltre, inibita agli utenti che si collegano da Paesi soggetti a embargo da parte degli Stati Uniti o che sono da questi ritenuti “simpatizzanti dei terroristi” o, ancora, che facciano parte di una delle liste “proibite” dalla Casa Bianca.

E’ vietato, inoltre, pubblicare pubblicità o sollecitazione di attività e impersonare un’altra persona

Tutti questi diviete, ogni giorno, milioni di utenti li violano, non credete? 🙂

C’è da dire a discolpa degli utenti, cioè che Whatsapp non interviene in nessun modo per far mantenere le condizioni. Perché poi alla fine, la postilla in cui si dice che:

utente l’unico responsabile dei contenuti pubblicati, identificato dal numero che appare sul display del proprio telefono e del ricevente, e, dunque, l’unico chiamato a rispondere per qualsiasi violazione perpetrata o danno causato

fa capire chiaramente che a loro non gliene può fregar de meno come direbbe qualcuno




Reply