Un applicazione a luci rosse “sequestra” lo smartphone | Adult Player

Nelle ultime ore circola un’applicazione per android che promette di fornire video pornografici, in realtà sequestra il telefono e chiede un riscatto da 500 dollari, non prima di aver scattato qualche foto all’utente.

L’app è stata scoperta da una società di sicurezza (Zscaler) e si chiama ‘Adult Player‘. Blocca letteralmente il telefono (diciamo come il Virus Guardia di finanza e Polizia di stato) rendendolo inutilizzabile. A quel punto mostra i selfie rubati all’utente in una schermata in cui chiede il riscatto.

Quest’app, per fortuna, non è disponibile nello store “ufficiale” di Google ma potrebbe comunque capitare di imbattersi. Nei mesi scorsi Zscaler aveva scoperto un’altra app sempre genere “porno”‘, che dopo aver bloccato il dispositivo dell’utente chiedeva un riscatto fingendosi l’Fbi.

Software di questo tipo vengono chiamati Ransomware, e sono quelli in pratica che chiedono un riscatto per restituire agli impanicati utenti l’utilizzo dei loro dispositivi. Si potrebbe obiettare che bisogna proprio andarsele a cercare, ed in effetti è così, ma è anche vero che se nessuno “ci cascasse”, software di questo tipo non esisterebbero, e ad ogni nuovo report di questi tentativi di estorsione non sappiamo se sorridere per la goffaggine e la perseveranza del tentativo, o compatire chi ci sia cascato.

Attenzione!




Reply