Un anno dopo, Windows 10 è migliorato?

L’anno gratuito è finito. Windows 10 ha compiuto il suo primo anno. E’ stato burrascoso e difficile per la Microsoft, soprattutto per quel che riguarda alcuni fattori chiave di quest’ultimo capolavoro della casa di Redmond.

Vediamo se finalmente alcuni dei suoi più grossi problemi sono stati risolti, soprattutto per quel che riguarda l’Anniversary Update:

La Microsoft ha tentato d’inserire Windows 10 delicatamente nelle nostre vite? No.

La Microsoft ha iniziato a pubblicizzare Windows 10 attraverso il suo programma “GWX” che veniva scaricato obbligatoriamente attraverso Windows Update.

Nel corso dell’anno le pubblicità sono diventate sempre più invasive e addirittura truccate, obbligandoci quasi ad un aggiornamento a Windows 10 quando non l’abbiamo mai voluto. Microsoft ha poi dovuto, per forza di cose, mollare un pò l’osso verso  fine anno dopo che ha dovuto pagare 10.000 dollari di danni per un PC “rotto” dall’aggiornamento.

La Microsoft ha reso Windows Update meno invasivo e automatico? Ni. Insomma. Quasi.

Windows Update per Windows 10 installa automaticamente aggiornamenti e driver, e lo fa anche riavviando automaticamente il PC non appena capisce che è abbandonato.

E a volte lo fa anche senza che lo abbandoniamo. I driver possono andare in conflitto con quelli già presenti. Parecchia gente ha trovato questo molto fastidioso visto che perdono ore di lavoro delle volte.

L’ultimo aggiornamento permette di settare delle “Ore” nel quale Windows Update non deve operare affatto. Ma è abbastanza? Non tanto.

Windows 10 avrà meno pubblicità ora che non è più gratis? No. Anzi!

Windows 10 ha una cattiva nomina per la pubblicità: le ha incluse nel menù start. Non ha intenzione di rimuoverle, piuttosto le ingrandirà. Almeno non scarica nulla nel nostro sistema a meno che non ci clicchiamo per sbaglio

E’ possibile sapere di più sugli aggiornamenti installati? Sì!

Ecco qualcosa che almeno è stato fatto di buono! Windows 10 può informarci su ogni tipico aggiornamento che viene installato, così almeno sappiamo cosa fa questo e quello. Speriamo che saranno sempre più dettagliate!

Windows 10 ha smesso di spiarci? No.

La “Telemetria” interna di Windows 10 può essere limitata, ma non fermata. La possiamo bloccare con alcune modifiche che però mandano in errore parecchi servizi. Windows 10 continuerà ad osservare le nostre abitudini e mandare dati e statistiche ad un server non meglio menzionato della Microsoft.

Detto chiaro e tondo però, anche Windows 7 ed 8 hanno queste funzioni, anche se è possibile disattivarle del tutto senza inciampare in un crash o una schermata blu!

UWP è ancora chiuso e permette solo l’installazione di giochi che vuole lui? No.

Una delle critiche di parecchie industrie (Come Gabe di Steam e Tim di Epic) è che l’Universal Windows Platform non poteva che portare alla fine della libertà dei videogiochi: inizialmente la cosa era vera.

L’UWP è fatto per avviare ed installare giochi e programmi riconosciuti solo dalla Microsoft e dalla libreria online. Questa cosa però è cambiata. Al massimo cercheranno di ottenere quanti più titoli esclusivi possibili per Windows 10




Reply