Trucchi per POKEMON GO per catturare, trovare ed evolvere i Pokemon

E’ la rivelazione dell’estate 2016! Questo videogioco, della Nintento, che dal 15 luglio è disponibile in italia su dispositivi Apple o Android, ha letteralmente battuto ogni record di download e visualizzazioni, conquistando miliardi di utenti in tutto il mondo.

Vi ricordate Pikachu, Squirtle, JigglyPuff e tutti quelli animaletti che, verso la fine degli anni ’90, riuscirono a conquistare voi o i vostri figli sia come cartoon che come videogioco?

Ebbene, quegli animaletti sono tornati e sono più “forti” che mai, pronti a rendere ancora più reale la vostra avventura in loro compagnia.

Trucchi per POKEMON GO

Vediamo qualche trucco per salire di livello e superare gli altri in prestigio e fama, allestendo una squadra di Pokemon competitiva nelle sfide. Diciamolo, non è proprio un gioco semplicissimo e quindi bisogna sapere come muoversi e conoscere i trucchi nascosti che sono presenti in tutti i giochi

Come trovare subito Pikachu come primo Pokemon

Quando si inizia è anche il momento della scelta fra i tre mostriciattoli Starter, Squirtle (tipo d’acqua), Charmender (fuoco) o Bulbasaur, allontanatevi un po’ col vostro personaggio (secondo alcune fonti bisogna farlo più volte e per una gran bella distanza). Come per magia apparira un quarto starter. Proprio lui, l’amatissimo Pikachu.

Occhio alle impronte

Come ogni gioco a realtà aumentata, anche Pokémon Go non delude. Dato che l’app mappa le strade intorno a voi, vi indica anche il passaggio dei Pokémon, attraverso le impronte che lasciano mentre girano per piazze e incroci.

Mentre usate l’app in basso a destra c’è un pannello che vi indica quali sono quelli più vicini a voi, calcolandone le distanze. Quindi usate bene il pannello delle tracce e studiate la strategia migliore per aumentare il team.

Come tirare la PokeBall per catturare il Pokemon

Prima di provare a catturare un Pokemon, guardare i cerchi intorno al Pokemon quando compare sullo schermo e la distanza. Quando si incontra un Pokemon e compare sullo schermo, non bisogna tirare la palla a caso, ma guardare il cerchio che circonda il Pokemon che diventa sempre più piccolo quando si tiene premuto sulla pallina.

Per catturare il Pokemon bisogna tirare la PokéBall quando gli anelli sono più piccoli. Anche se in questo modo è più difficile puntare, è meno probabile che il Pokemon possa schivare la pallina.

Prima di lanciare la pallina contro il Pokemon, controllare anche il numero in basso a destra del display per sapere a che distanza si trova e quanto forte bisogna tirare la Pokeball.

Il colore del cerchio intorno al Pokemon ci dice invece quanto è facile catturare quel Pokemon: molto facile se è verde, meno se è giallo e difficile se è rosso.

Non tutti i Pokémon sono uguali

Se volete individuare bestiole diverse e di diverso genere dovrete scarpinare non poco. Anche perché, per esempio per far schiudere le uova nelle incubatrici (anche questi tutti oggetti che trovi nei Poké Stop o puoi acquistare con le Pokémonete), valgono solo le camminate e la bicicletta.

I Pokémon possono essere di tipo Acqua, di tipo Erba, volanti, velenosi, ghiaccio, terra. Li troverete in prossimità dei loro habitat naturali. Compresi quelli notturni.

Trovare l’incenso

Quando andrete in giro per le strade o a spasso nel parco, all’inseguimento della vostra preda, fate attenzione agli elementi secondari. Tra quelli consigliati c’è l’incenso, che permette per 30 minuti di attirare i Pokémon selvatici. Insomma una chance in più per aumentare il proprio gruppo.

Spegnete la realtà aumentata

Pokemon Gò ha ottenuto il suo successo planetario, grazie alla realtà aumentata. Ma è proprio questo tipo di tecnologia a farvi scaricare quasi subito lo smartphone! Ecco perché sarà importante escluderla, per farlo basta toccare il tasto in alto a destra dello schermo.

Certo non sarà proprio bello guardare la tastiera del pc sullo schermo, ma guadagnerete più tempo per giocare, e in più la possibilità di successo nella cattura. Eh sì, perché i Pokémon sono meno irrequieti e più stabili quando non c’è la realtà aumentata attiva.




Reply