touchwiz cos’è? Ve lo spieghiamo noi

Tutti i giorni parliamo di smartphone o tablet, parliamo di foto, di applicazioni, di SoC, di RAM, velocità di un software e tanto altro ancora. Spesso riceviamo domande dai nostri lettori sul significato di qualche argomento e oggi abbiamo deciso di spiegarne uno. Un nostro lettore vuole sapere cosa sia il Touchwiz

TouchWiz (a volte indicata come TouchWiz UI o UX) è un’interfaccia grafica ad interazione tattile creata dal colosso coreano Samsung per i suoi smartphone e tablet touchscreen

TouchWiz

Volendo semplificare ancor di più è una sorta di menu di avvio, un’interfaccia che serve all’utente per controllare il dispositivo in generale.

Nelle versioni per Android l’interfaccia è invece molto più complessa. Attualmente è arrivata alla versione 5 conosciuta anche con il nome di TouchWiz Nature UX implementata per la prima volta sul Galaxy S III.

Esiste anche una versione Lite della TouchWiz, chiamata TouchWiz Lite. Essa è composta principalmente da due parti: la schermata home e l’app drawer. La schermata home contiene diverse pagine, fino ad un massimo di sette, che possono essere personalizzate con widget, sfondi e collegamenti rapidi alle applicazioni.

L’app drawer invece è composto dalla lista completa delle applicazioni, raggruppate in pagine sfogliabili orizzontalmente, e dall’insieme delle preview dei widget installati sul dispositivo. Sia i collegamenti alle app sia i widget possono essere trascinati e posizionati sulla schermata home.

Tra i vari device che montano la TouchWiz troviamo: Samsung Wave, i Galaxy S, SII, SIII, S4, S5 e S6; la serie Galaxy Note, Note II, Note III, Note 4 e il Galaxy Alpha. Insomma, un pò tutti i prodotti di punta di Samsung

Critiche

Samsung è stata spesso accusata di personalizzare eccessivamente i propri dispositivi e di precaricare troppe applicazioni rendendo in questo modo il sistema pesante e poco reattivo. Questi problemi, tuttavia, sono stati leggermente ridotti nelle versioni più recenti della Touchwiz

Eccovi un video




Reply