[TIM] Dal 1° aprile 2016 le chiamate da rete fissa raddoppiano

TIM fa sapere che a partire dal prossimo mese di Aprile è prevista una “rimodulazione” dei costi relativi alle chiamate a consumo verso telefoni fissi e cellulari. Dal 1° Aprile 2016, quindi, verranno raddoppiati i costi di chiamata nell’offerta VOCE e nella linea ISDN.

Si passerà dagli attuali 10 cent/min a 20 cent/min, a cui verrà sommato uno scatto alla risposta unico per ogni chiamata da 20 centesimi.

Telecom precisa che per i clienti che hanno attiva un’offerta che include linea telefonica, chiamate e/o navigazione Internet in un unico abbonamento (come ad esempio TUTTO, TUTTO VOCE, TIM Smart, TIM Smart Fibra, Internet Senza Limiti) oppure un’offerta aggiuntiva con prezzi specifici verso alcune tipologie di chiamate (come ad esempio SuperChiamaMobile o Alice Tutto Incluso, etc.), continueranno a valere le condizioni economiche previste dalle relative offerte.

TIM comunica ai clienti coinvolti alle modifica delle condizioni economiche dell’offerta VOCE e della linea ISDN che

Ti ricordiamo che qualora non intendessi accettare le nuove condizioni sopra indicate, in base al Codice delle Comunicazioni Elettroniche hai il diritto di recedere dal tuo contratto entro il 31 marzo 2016, anche passando ad altro operatore, senza costi di disattivazione. In questo caso ti ricordiamo che è necessario inviare una richiesta scritta e fotocopia del tuo documento di identità, in qualità di titolare del contratto da cessare, all’indirizzo:

Telecom Italia Servizio Clienti Residenziali

Casella postale n. 111 – 00054 Fiumicino – Roma

oppure via fax al numero gratuito 800.000.187 per consentirci così l’azzeramento dei costi di disattivazione

Riteniamo che il colosso intenda far convergere sempre più persone a tariffe “forfettarie” e non a consumo. Quello che è certo è che da Aprile le tariffe dell’operatore per le chiamate provenienti da rete fissa saranno raddoppiate!

Verifate se questa variazione riguarda anche voi chiamando il centro assistenza clienti.




Reply