Terremoto nel Centro Italia: le tragiche coincidenze con il terremoto de L’Aquila

Gli abitanti al confine tra l’Umbria, il Lazio e le Marche hanno vissuto una notte di terrore a causa di un terremoto di magnitudo 6.0, ad una profondità di 4 km.

Epicentro ad Accumoli, Amatrice e Pescara del Tronto.

La prima scossa dell’imponente sciame sismico che ha colpito il Centro Italia è stata avvertita alle ore 03:36.

A causa dei numerosi crolli, non è ancora possibile stimare un bilancio dei feriti: moltissime le persone che in queste ore vengono estratte dalle macerie.

Le vittime, purtroppo, sono in costante aumento: basti pensare che alle 09:30 di stamane si parla già 21 morti accertati.

Il Sindaco di Amatrice ha dichiarato:

La città è distrutta, praticamente rasa al suolo.

La gravità della situazione è confermata anche dal responsabile della Croce Rossa locale, il quale ha parlato di

un ponte pericolante, quello di Tre occhi, che costringe ad entrare nel paese solo a piedi rallentando i soccorsi e di una importante fuga di gas.

Troppe coincidenze con il terremoto de L’Aquila.

Il terremoto di magnitudo 6.0 che ha colpito l’area compresa tra Marche, Umbria e Lazio appartiene al fenomeno di “stiramento dell’Appennino“, lo stesso che ha colpito il cuore dell’Abruzzo 7 anni fa.

A causa del forte sisma, l’orologio dell’antico campanile di Amatrice si è fermato alle 3.36 del mattino, ora del sisma (a L’Aquila, il 6 aprile 2009, il disastro iniziò alle 3.32) e le scosse di assestamento potrebbero non essere terminate.

È una zona ad altissimo rischio sismico in cui incidono faglie sismo-genetiche simili a quelle che secoli passati hanno fatto già registrare gravi episodi sismici. Scosse come quelle che hanno colpito il Centro

Italia sono state già registrate nei decenni passati e riteniamo che altre ne verranno

Queste le parole di Andrea Tertulliani, sismologo dell’Ingv all’agenzia Adnkronos.

Attenzione!

Allerta della Croce Rossa:

  • lasciare libere le strade di accesso alle zone colpite dal sisma;
  • non affollare la via Salaria.

Ricordiamo il numero della protezione civile: 800 840 840.

Appello dell’Avis:

Sono necessarie sacche di sangue di tutti i gruppi sanguigni per aiutare i feriti colpiti dal terremoto.

Chiunque può donare, si rechi presso uno degli Ospedali di Roma o, meglio ancora, presso l’Ospedale De Lellis di Rieti munito di documento d’identità e di codice fiscale.

Vi invito a far circolare questo articolo data la grave situazione di emergenza.

fonte




Reply