Si può dividere il prezzo di Netflix tra amici ed è tutto LEGALE!

Netflix, società statunitense nata nel 1997 come un servizio di “noleggio” di DVD e videogiochi via Internet piano piano ha avuto la sua evoluzione e, dal 2008, ha iniziato anche un servizio di streaming online on demand, accessibile tramite un apposito abbonamento. Questo servizio, com’è noto, è sbarcato anche in italia da ottobre 2015 con un enorme successo.

Netflix ha riscontrato successo in Italia fondamentalmente per due motivi, il primo sicuramente dovuto al prezzo molto competitivo ed il secondo per la grande quantità di contenuti video in formato ultra HD 4K.

Un altro motivo che potrebbe indurre gli utenti a provare il servizio è sicuramente quello di poter condividere con gli amici e parenti l’ abbonamento TV. Tutto in maniera “LEGALE”

Il trucco per usare lo stesso account in più persone è semplice e del tutto legale in quanto autorizzato da Netflix(stando alla parole del suo fondatore, Reed Hastings, che ha chiaramente affermato di essere contento che le persone possano dividere la spesa per un abbonamento Netflix)

Per condividere l’abbonamento a Netflix con amici e parenti bisogna acquistare quello Standard da 9,99€ in modo tale da permettere la visione dei film contemporaneamente da due diversi dispositivi che possono essere il PC, il tablet o lo smartphone.

Ancora meglio se acquistate l’account Premium da 11,99€ al mese, visto che in questo caso i dispositivi che si possono collegare sono 4.

L’importante è che queste persone non si colleghino assieme alla stessa ora (che è sicuramente infrequente).

Di fatto, quindi, l’abbonato Netflix non compie alcun illecito se condivide le proprie credenziali e permette ad altri utenti, precedentemente autorizzati, di visionare i contenuti video.
I soggetti coi quali si è deciso di condividere l’abbonamento Netflix, inoltre, non debbono trovarsi nello stesso immobile ed essere connessi alla medesima rete locale: possono infatti collegarsi in modalità remota senza alcun tipo di restrizione




Tags:

Reply