Quali sono i software più vulnerabili del 2015? A sorpresa vince…

Quali sono stati i software più vulnerabili del 2015? A rispondere a tale domanda ci ha pensato il CVE Details che ha ri-organizzato i dati forniti dal National Vulnerability Database (NVD), un archivio che raccoglie tutte le falle di sicurezza rese pubbliche dai produttori di software assegnando a ognuna un codice CVE (Common Vulnerabilities and Exposures) seguito da un numero progressivo

A sorpresa il vincitore è Apple! Si avete letto bene, sembra che il sistema operativo MAC-OS sia risultato essere quello con maggiori vulnerabilità. Il sistema operativo dei Mac ha riscontrato 384 vulnerabilità mentre iOS, altro software di Cupertino, ha registrato 375 vulnerabilità. In terza posizione troviamo Adobe Flash Player con 314 vulnerabilità.

In quarta e in quinta posizione si trovano rispettivamente Adobe AIR SDK, con 246 vulnerabilità, e Adobe AIR, con 246 vulnerabilità.

Eccovi la classifica

cve details vulnerabilita

Sicuramente vi viene da domandarvi e WINDOWS?

Come detto prima in questo database ci sono le vulnerabilità pubblicamente rese note (che non è detto che corrispondano al totale). In questo elenco però Windows, al contrario di altri OS, è stato diviso per numero di versione, ed è solo dal 10° posto in poi che lo troviamo. C’è tra l’altro da dire che sarebbe stato comunque corretto fare la somma delle vulnerabilità versione per versione, dato che lo stesso tipo di falla può affliggere release diverse dell’OS.

Il motivo della “non unione” di Windows è probabilmente da ricercare nel fatto che Microsoft divide in vari nomi commerciali le varie versioni, mentre OS X si limita a nomignoli che però vanno sempre fatti sparire sotto il cappello “MAC OS X”

Lode comunque a Windows 10 che è solo 35° con 53 vulnerabilità

Eccovi, infine, la classifica delle aziende con i software più vulnerabili del 2015

cve_top_50_company_2015

Di sicuro, il grafico che appare a fondo pagina e che recita “1590” come totale per Microsoft è assolutamente fuorviante in quanto si limita a sommare tutto quello che c’è nella tabella, senza eliminare i doppioni. Comunque sia, Microsoft sta facendo un bel lavoro. Considerate quante versioni ha in giro, con quale ecosistema e con che diffusione, il risultato è stupefacente se confrontato con i disastri di qualche anno fa, mentre resta il fatto che se anche Windows prendesse la testa della classifica, al secondo e terzo posto ci sarebbero i due prodotti Apple

Che ne pensate?




Reply