Possiamo fidarci di CCleaner?

Molti utenti per effettuare una pulizia al proprio PC utilizzano il programma CCleaner, un software freeware che permette l’ottimizzazione delle prestazioni, la protezione della privacy e la pulizia dei registri di sistema e altre tracce d’uso per il sistema Windows

Il programma dispone, al suo interno, diverse utility tra cui:

  • è possibile disinstallare e rinominare i programmi installati nel sistema;
  • la gestione dei programmi che vengono eseguiti all’avvio;
  • la gestione di tutti i punti di ripristino del sistema e la distruzione sicura di contenuti sui drive;
  • un potente strumento per risolvere problemi riscontrati con estensioni, riferimenti e collegamenti mancanti;
  • una sezione chiamata Registro dove possono essere trovati e riparati problemi che vengono rilevati nell’integrità registro del sistema.

Ma ci possiamo fidare? Potrebbe causare instabilità al sistema operativo dopo la pulizia?

In primo luogo è importante fare subito una precisazione: nessun programma è infallibile. Tutte le applicazioni hanno sempre un margine di errore accettabile.

Nella maggior parte dei casi e ancor di più quando si tratta di operazioni delicate, ci viene chiesto il consenso a procedere. Il controllo preventivo su quello che un programma propone è sempre d’obbligo.

Parlando più nello specifico di CCleaner, possiamo basarci sulla nostra esperienza. In tanti anni di utilizzo su diversi P con svariati sistemi operativi, il software non ha mai creato alcun problema. Sotto questo aspetto, vogliamo tranquillizzarvi.

CCleaner è molto preciso e meno invasivo di tanti altri concorrenti. In ogni caso, prima di cancellare le chiavi proposte, potete sempre salvare una copia del registro.

Quando premete Ripara selezionati, l’applicazione vi risponde con il messaggio Vuoi eseguire il backup delle modifiche al registro? Se abbiamo paura di perdere qualcosa o soprattutto di rendere instabile il PC facciamo Sì, in modo da ripristinare il componente del sistema in caso qualcosa vada storto




Tags:

Reply