La situazione è molto più tragica, in tv dicono un sacco di bugie anche sulla bomba che oggi hanno messo a Lepanto | Bufala

Circola in queste ore una nuova bufala su whatsapp, famoso client di messaggistica per smartphone. La bufala si rifà alle notizie di giovedi 19 novembre circa un allarme bomba segnalato a Roma.

Il messaggio dice:

La situazione è molto più tragica, in tv dicono un sacco di bugie anche sulla bomba che oggi hanno messo a Lepanto

Ci sarebbe poi una falsa telefonata (sottoforma di registrazione audio) in cui una madre si raccomanda con la figlia di stare attenta perché il rischio attentati, dopo gli attacchi terroristici a Parigi, sarebbe molto alto anche a Roma.

La madre di Anastasia lavora al ministero degli Interni e là arrivano notizie che ovviamente non sappiamo noi.  Era molto molto preoccupata. La bomba sulla metro c’era e questi dell’Isis vogliono colpire i giovani. Non vi potete spostare verso il centro, fate il passaparola e avvertite quanta più gente possibile

Ovviamente è tutto falso! L’allarme bomba segnalato ieri è stato solo un “falso allarme”. La stazione di Lepanto della Linea A della metropolitana di Roma giovedì è effettivamente stata chiusa per un allarme bomba rivelatosi poi falso, ma non ci sono prove né sospetti che nella stazione sia effettivamente stata trovata una bomba e che il ministero degli Interni avrebbe deciso di tenere segreta l’informazione.

La conferma arriva dal fatto che la stazione è rimasta chiusa “solo” 30 minuti: se davvero fosse stata trovata una bomba sarebbe stato necessario molto più tempo per disinnescare la bomba, bonificare la zona, mettere in sicurezza la stazione e cercare prove e indizi sulla persona che l’aveva posizionata. Non credete?

Pertanto consigliamo di non divulgare questo messaggio. Lasciamo che le forze dell’ordine lavorino, senza correre da una parte all’altra per via dei tanti falsi allarmi che si stanno susseguendo in queste ore, e che potrebbero configurare anche della ipotesi di reato




Reply