Fatti rimborsare la memoria che non puoi usare. La class action contro Apple e Samsung di Altro Consumo

Altroconsumo è un’associazione italiana di consumatori senza fini di lucro, la prima e la più diffus. È nata nel 1973 sotto il nome di Comitato Difesa Consumatori. Si pone come obiettivo l’informazione e la tutela dei consumatori, attraverso le sue numerose pubblicazioni, i servizi di consulenza e l’azione di lobby politica a difesa dell’interesse generale tanto a livello nazionale che internazionale.

Di recente ha avviato una class action contro i colossi Apple e Samsung

Motivo?

Lo spazio a disposizione dell’utente all’interno del dispositivo per installare app o altro! Nel 2014 l’Antitrust aveva sanzionato Samsung con un milione di euro per aver deliberatamente alterato i dati relativi alla memoria dei propri dispositivi mobili. In quell’occasione, l’Antitrust stabilì che il consumatore acquistava un telefono o un tablet credendo di avere a disposizione 16 GB ma, al primo avvio, ne trovava circa un terzo o la metà in meno.

L’associazione consumatori adesso afferma di aver trovato tale anomalia anche sui prodotti della casa di Cupertino. Anche in questo caso, è stato rilevato uno scostamento tra memoria dichiarata e memoria effettiva che può arrivare fino al 40%.

Per questa ragione abbiamo deciso di avviare una class action perché sia riconosciuto un rimborso ai consumatori che hanno acquistato un prodotto Samsung o Apple e hanno poi scoperto che non era conforme a quanto pubblicizzato sulla confezione e nei negozi. Hai anche tu uno smartphone o un tablet Apple e Samsung? Indica il modello e scopri quanto puoi chiedere di rimborso aderendo alla nostra class action. Abbiamo stimato un importo che può arrivare fino a 304 euro a seconda del modello

Le altre informazioni direttamente sul sito di altroconsumo




Reply