Facebook, Internet gratis negli Usa

Facebook potrebbe diventare anche un provider internet, almeno in America. Secondo un rapporto del Washington Post, infatti, il social network starebbe trattando con il Governo degli Stati Uniti la possibilità di lanciare il suo servizio di accesso ad internet gratuito chiamato “Free Basics” all’interno del paese.

L’obiettivo del colosso americano non è quello di fare concorrenza agli altri provider bensì offrire connettività internet nelle zone rurali ed ai cittadini meno abbienti attraverso degli accordi con alcuni operatori wireless che, probabilmente, solo facebook potrebbe fare!

In india bocciato

Si tratterrebbe dello stesso servizio a banda larga che Facebook aveva deciso di offrire a paesi del mondo “sottosviluppati tecnologicamente” e che si caratterizzerebbe anche per dare una certa priorità ai contenuti offerti dal social network rispetti agli altri.

Un progetto del tutto simile a questo per gli stati uniti, infatti, era già stato lanciato in INDIA anche se, a dire il vero, è stato subito bloccato. Il governo Indiano ha bloccato tutto perché, secondo loro, dava un vantaggio sleale ai contenuti della piattaforma sociale rispetto agli altri servizi internet.

In trattativa con le autorità USA

Sempre il Washington Post evidenzia come il social network stia in trattativa con le autorità americane per evitare di cadere nelle stesse problematiche che sta affrontando negli altri paesi.

Sicuramente l’america è diversa da molti altri paesi tipo l’india visto che alcuni operatori come AT&T e T-Mobile già offrono accessi gratuiti simili a Free Basics per l’accesso a determinate tipologie di contenuti.

Sempre secondo la fonte, non è chiaro come Facebook potrà superare le problematiche concernenti il suo servizio di connettività Free Basics in America. Inoltre, per la connettività, il social network non puntereebbe sui grandi carrier già affermati come AT&T e T-Mobile ma avrebbe puntato sugli operatori “più piccoli”

Staremo a vedere, per adesso è tutto in mano alle autorità che decideranno in tal senso




Tags:

Reply