donnaplay, hdcave, lilplay e altri servizi in abbonamento quando provate a vedere un film in streaming

Stiamo ricevendo numerose segnalazioni da parte di utenti che, cercando di vedere un film in streaming(che ricordiamo essere reato), si ritrovano abbonati a qualche servizio a pagamento tipo donnaplay (che in queste settimane va per la maggiore) o hdcave.com

Cosa accade?

L’ignaro utente va su qualche sito che offre materiale in streaming e cerca un film (ad esempio). Dopo le varie pubblicità che si aprono a video finalmente esce il player del film. Parte il film e dopo circa 10 secondi esce un messaggio a video Devi essere loggato per continuare streaming oppure Il Film puo’essere Trasmesso solo in alcuni paesi (Italia compresa). Per favore, Registrati gratuitamente inserendo DATI reali per poter abilitare il tuo account alla visione

La registrazione è gratis per cui l’utente prova a registrarsi. Il problema viene dopo, nello step successivo. Viene richiesta la carta di credito e viene specificato all’utente che si tratta comunque di un abbonamento gratuito.

abbonamento gratis

In realtà non è cosi. Se immettete la vostra carta vi iscrivete ad un servizio a pagamento e non sarà cosi facile di-smetterlo.

Fate molta attenzione a ciò che fate amici lettori, purtroppo, oramai, a questi siti che offrono streaming illegale non basta più il “solo” banner pubblicitario (magari invasivo ma pur sempre solo un banner). I controlli della polizia, guardia di finanza, sono sempre più capillari e i costi per sostenere questi server (illegali bisogna dirlo) aumentano sempre di più e quindi si pensa a “metodi alternativi” per guadagnare di più

Capito? Occhio!




Reply