Come navigare in una rete non sicura

State per connettervi ad una rete pubblica, magari in un parco o in un hotel? Prima di farlo, pensate ai rischi. Gli Snoopers (gli impiccion) sono ovunque e tengono d’occhio il traffico di qualsiasi persona d’interesse, per trarne password o conversazioni.

Ecco qualche consiglio in più per proteggervi nella navigazione e l’uso d’una rete non sicura:

Assicuratevi sempre d’usare un app aggiornata ed un sistema operativo aggiornato. Se con gli aggiornamenti c’è un aggiunta di funzionalità di Criptazione, fatelo immediatamente. Ad esempio Whatsapp fino a qualche tempo fa non aveva nessuna criptazione nelle conversazioni, rendendole leggibili con metodi molto facili da qualsiasi malintenzionato. Ora che è criptata, è più difficile.

Tenete sempre aggiornati i vostri programmi.

Usate un simpatico sistema di filtraggio. Se dovete connettervi ad esempio con il vostro Computer e avete uno Smartphone a disposizione, connettetevi con lo Smartphone e attivate la condivisione della connessione dati (o per meglio intenderci, la funzione Router Wifi). Questo farà in modo che il traffico verrà filtrato, visto che il cellulare (che può essere spiato poiché nella rete non sicura) non sta attualmente facendo nulla, sta solo fornendo la connessione ad un altro dispositivo. Potete fare lo stesso con due Smartphone, e così via.

Usate una VPN. Potete usare Orbot se avete Android o installare Tor Browser per qualsiasi PC o MacBook. Questi programmi fanno in modo di connettervi ad un Virtual Private Network, una rete costituita da parecchi strati di sicurezza che s’interfaccia all’estero.

E’ un sistema molto sicuro, ma può rallentare di parecchio la navigazione: un piccolo scambio che è necessario fare per la nostra privacy.

Usate un semplice Proxy. Questa soluzione è poco consigliata, ma se volete una soluzione bilanciata fra velocità e protezione potete usare un semplice proxy come quelli disponibili sul web. Ne sono tanti, con diverse qualità.

I migliori in genere sono a pagamento. Parecchi visualizzano delle pubblicità o limitano l’uso per alcune situazioni particolari. Insomma, usateli con cautela.

Usate dei programmi specifici. Sui Samsung Galaxy c’è KNOX, che può criptare le connessioni di ogni App o ne può limitare la comunicazione. Sull’iPhone affidatevi ad iMessage: è praticamente impossibile da intercettare




Reply