Come funzionano gli aggiornamenti con Android N

Con l’arrivo di Android N (o 7.0 o Nougat, come lo si vuol chiamare) sono stati attuati degli importanti cambiamenti. Uno di questi riguarda anche il modo in cui gli aggiornamenti vengono distribuiti ed installati.

Con il cambio del tipo d’installazione delle Apps, in effetti è cambiato anche per intero l’approccio di Google verso la distribuzione degli aggiornamenti.

E’ arcinoto come alcuni Smartphone ricevono in ritardo gli aggiornamenti critici e come altri non li ricevono affatto. Nougat in un certo senso cambierà questo fattore, introducendo i “Seamless updates”.

Il tutto accade perfettamente come in Chrome OS: gli aggiornamenti vengono scaricati durante l’uso del dispositivo (quindi in Background) e quando il tutto è completato, verrà visualizzato un messaggio che inciterà l’utente a riavviare il sistema operativo per applicare l’Update.

Non c’è bisogno, quindi, di “ottimizzare” le Apps e non bisogna aspettare una mezz’ora o più. Molti hanno indicato che questo tipo d’aggiornamento è molto simile a quello di Windows, che fa più o meno la stessa cosa.

C’è da fare, però, qualche precisazione: questo tipo d’aggiornamento non è incluso nei dispositivi che sono passati da una versione d’Android ad un’altra (Ad esempio siete passati da Marshmallow a Nougat) e viene piuttosto adottato il tipo d’aggiornamento vecchio.

Ma come può questo aggiornamento scrivere sui dati di sistema senza che noi inciampiamo in qualche improvviso errore?

Semplice: scrive su una partizione di sistema riservata solamente ad Android…cosa che fa già Windows con la sua partizione nascosta, in un certo senso. E’ finora sconosciuto quanto spazio può prendere, ma se ci pensate da oggi in poi molti cellulari avranno minimo 32Gb di spazio disponibile.

Per questo motivo una partizione simile avrà ben poco impatto sullo spazio generale.

Dobbiamo solo vedere nel tempo, man mano che gli aggiornamenti verranno accumulati, quanto spazio verrà effettivamente “rubato” alla memoria interna.

Staremo a vedere. Logicamente vi terremo aggiornati




Tags:

Reply