Come capire se un App Android è pericolosa

Stiamo cercando un App, che sia nel Play Store o in qualche sito semi-conosciuto. Ne abbiamo trovata una, ma quando andiamo ad installarla notiamo che c’è qualcosa che non va.

Il nostro cellulare funziona in maniera strana e consuma più del dovuto, o è diventato esageratamente lento. Cosa sta succedendo?

Semplice: siamo vittime d’un App che nonostante contiene un programma che ci serve, esegue funzioni che mettono a rischio la nostra privacy ed il nostro cellulare. Ecco qualche accorgimento che dobbiamo attuare per capire se un App è dedicata a nuocere il nostro Smartphone

Prima di tutto ricordiamoci le solite precauzioni: niente Debug USB, niente origini sconosciute, e, se possiamo evitarlo, niente Root. Queste tre cose non solo aprono ulteriori possibilità ai programmi malevoli di fare altri danni, ma aprono altre porte con il quale è possibile rimanere infettati.

Inoltre, rimanere fedeli al Play Store riduce le chance di venire infettati, anche se non le elimina del tutto.

Come sono i permessi?

Controllate sempre i permessi dell’App che state installando. Si tratta d’un programma che usa il Flash come torcia? Bene, allora i permessi che permettono l’utilizzo della fotocamera hanno senso…finché non notate che ha anche bisogno della vostra connessione Wifi e deve gestire i dati dalla vostra scheda SD.

In quel caso controllate sempre tutte le funzioni dell’App (magari ne ha bisogno per delle funzioni secondarie che non conosciamo) ma se non c’è niente che giustifichi tutto ciò, passiamo altrove.

Controllate le recensioni. E’ facile notare se sono false (5000 recensioni da cinque stelle che dicono “E’ bello AAA+” non sono esattamente affidabili) ma eventualmente anche altri utenti metteranno recensioni con una stella dicendo la pura verità sulla natura dell’App.

In generale però, se volete avere una protezione in più, è sempre bene installare un antivirus capace di controllare l’installazione dell’applicazione.

Ricordatevi: è l’unica cosa che può fare in maniera più efficace




Tags:

Reply