Cina: bloccare le pubblicità è vietato!

Dal prossimo mese in Cina entrerà in vigore una legge che impedirà di utilizzare gli Adblock. Quei programmi utili a fermare la visualizzazione di pop-up, banner e video pubblicitari all’interno dei programmi di navigazione.

Spesso gli adblocker vengono distribuiti proprio come piccole applicazioni da aggiungere al browser. L’articolo sedicesimo del nuovo regolamento cinese proibisce ogni software hardware che intercetti, filtri, copra, reindirizzi o in ogni modo eviti che un annuncio pubblicitario sia mostrato

Allo stesso tempo la norma prevede regole più severe per la pubblicazione degli annunci online.

Senza dubbio si tratta di una scena che il Ministero del commercio cinese ha fatto per andare incontro alle esigenze del mercato pubblicitario fortemente penalizzato dalla tendenza degli utenti del web a evitare a tutti i costi le pubblicita-

È comprensibile che un’azienda voglia farsi conoscere e che per questo provi a sfruttare le “piazze virtuali” più amate e frequentate, ma d’altra parte è vero che alcuni siti diventano di difficile navigazione se ad ogni aggiornamento della pagina compare una pubblicità gigantesca che non si capisce neppure come
chiudere.

Per questo le autorità cinesi hanno pensato di intervenire anche sulle regole che riguardano la pubblicazione degli annunci.

Vietate le pubblicità “travestite” da articoli e notizie. Ogni pop-up dovrà mostrare in bella evidenza un bottone che consenta di chiuderlo.

In Europa leggi simili sulla regolamentazione della pubblicità esistono già ma vengono costantemente violate. Gli Adblock però sono leciti.




Tags:

2 Comments - Add Comment

    • mm

Reply