Cellulare e abbonamenti non richiesti, ecco come si stanno muovendo gli operatori

Banner pubblicitari che al click effettuano una registrazione a servizi a pagamento premium? Sarà solo un ricordo! Ci ha pensato il garante a multare gli operatori telefonici e a dire che questa pratica era illegale. Bene, come si stanno muovendo gli operatori principali?

Tim

Telecom Italia Mobile ha pensato di attivare un sistema di “doppio click”: l’utente deve effettuare una doppia azione sul cellulare prima di sottoscrivere l’abbonamento. I pulsanti non sono sovrapponibili, quindi adesso è difficile che il cliente possa fare click inavvertitamente. E’ stata attivata anche una procedura di rimborso semplice e veloce da portare a termine: il cliente ha 12 giorni per chiedere la richiesta del rimborso, e Tim non effettuerà alcuna verifica sull’attivazione. L’utente può anche chiedere il blocco a tutte le possibili sottoscrizioni future.

Vodafone

Anche la Vodafone ha pensato allo stesso tipo di attivazione proposto da TIM, cioè il doppio click, inoltre tramite l’app My Vodafone vengono chiariti alcuni punti per difendere il cliente dalle truffe online. Sempre dall’app, il cliente può chiedere il rimborso entro 90 giorni e attivare il blocco alla sottoscrizione dei servizi premium.

Wind

Sistema di doppio click dal 26 ottobre, insieme alla possibilità di richiedere il rimborso entro 90 giorni e di bloccare la sottoscrizione ai servizi premium.

H3G

H3G è stata la prima ad aver introdotto il sistema del doppio click per la sottoscrizione degli abbonamenti, inoltre le informazioni fornite al cliente sono molto chiare prima di decidere se attivare o meno quel particolare servizio. L’utente può chiedere il rimborso sull’app, su Twitter, al call center, via mail e su Facebook, ma solo entro 7 giorni




Reply