Attenzione ad Android.Fakebank.B, malware che ruba i vostri soldi

Torniamo a parlare del sistema operativo di Google Android perchè, come al solito direi, c’è una nuova minaccia, un nuovo malware che si sta diffondendo velocemente.

Ultimamente i dispositivi con a bordo il sistema operativo con il robottino verde sono stati colpiti da diversi ransomware (simili a quelli per PC) i quali, dopo aver sequestrato il dispositivo ed averne criptato i dati, chiedono un riscatto in moneta virtuale (BitCoin) onde fornire la chiave di decriptazione per riavere i file

Android.Fakebank.B

Con l’avvento degli smartphone e con tutte le app in giro per lo store viene facile gestire un pò tutta la “nostra vita” tramite questi dispositivi. Sicuramente in molti utilizzerete il device anche per gestire il vostro conto in banca.

Del resto, la comodità di poterlo fare con pochi click dal proprio smartphone o tablet senza essere costretti a recarsi presso lo sportello, è molto invitante

Ma, come spesso accade in questi casi, anche l’insidia è dietro l’angolo! Stando a quanto dichiarato dalla società di sicurezza Symantec(casa produttrice di Norton), in pratica, alcuni smartphone risulterebbero infetti dal virus chiamato Android.Fakebank che, già a partire dal nome, lascia intuire una modalità di azione alquanto “pericolosa”.

Il malware in questione, una volta scaricato sul device, si va a sostituire alla legittima app della vostra banca (qualora l’abbiate installata sul vostro dispositivo ovviamente) e ne eredita le credenziali di accesso, in modo da poter operare sui conti correnti bancari.

Questo virus è una nostra vecchia conoscenza visto che la sua esistenza è datata 2013. Ovviamente è tornato con degli accorgimenti maggiori (una sorta di versione 2.0 insomma).

Questa nuova versione, sempre secondo symantec, sarebbe in grado di bloccare addirittura le chiamate in uscita del dispositivo

In questo modo, qualora la vittima si rendesse conto dell’attacco e volesse informare la sua banca per prendere provvedimenti, non riuscirebbe a farlo.

Attualmente il virus non starebbe colpendo gli utenti italiani ma bensi quelli Russi e Coreani ma, viste le probabili dinamiche di diffusione, non è improbabile che si diffonda a macchia d’olio anche nel bel paese

Il consiglio sempre valido è sempre e soltanto uno: NON SCARICATE APP DA SORGENTI ESTERNE AL GOOGLE PLAY STORE.

Lo abbiamo detto varie volte ma è bene ricordarlo sempre!




Tags:

Reply