1.200 software illegali sequestrati dalla Guardia di finanza, multe per 4 milioni di euro!

Nei giorni scorsi si è svolta un’operazione di GUARDIA DI FINANZA – nel caso specifico seguita dal Nucleo speciale tutela proprietà intellettuale – che ha visto impegnati i Finanzieri dei vari Comandi Provinciali italiani nell’esecuzione di 116 ispezioni.

Le ispezioni hanno riguardato alcune società dislocate sul territorio nazionale ed operanti per lo più nel settore della progettazione industriale ed edile.

Operazione il cui nome è “UNDERLI©ENSING 2

Al termine delle ispezioni, ben 71 responsabili d’aziende sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria per violazioni della normativa sul diritto d’autore.

Presso le loro sedi sono stati sequestrati oltre 1.200 prodotti privi di regolare licenza, per un controvalore commerciale di circa 2 milioni di euro. Sono state inflitte multe per circa 4 milioni di euro.

Si perchè la legge n. 633 prevede, in aggiunta alla violazione penale, anche una contestazione di natura “amministrativa” pari al doppio del valore del software piratato. Per questo motivo, agli imprenditori e manager che si sono macchiati di questa colpa, sono state contestate sanzioni amministrative pari a circa 4 milioni di euro.

L’indagine ha fatto emergere che il 57% delle società controllate utilizzava software illegali, percentuale questa addirittura superiore alle già non incoraggianti stime dell’ultimo Global Software Survey di BSA, diffusa lo scorso maggio a livello mondiale, che assegnava all’Italia un tasso di pirateria in calo e collocato al 45%, con tassi di irregolarità molto differenti tra le varie aree geografiche italian

Evidentemente i comportamenti illegali sono ancora più radicati nel costume nazionale di quanto noi pensiamo.

Ancor più vitale, in questo preoccupante scenario, il capillare lavoro di contrasto all’illegalità svolto dalla Guardia di Finanza con impegno a difesa della legge dello Stato e delle imprese oneste.

È doloroso dover pensare che una cultura della legalità nel nostro Paese si possa ottenere solo attraverso l’enforcement, ma i risultati della UNDERLI©ENSING 2 ci inducono ad auspicare che la Guardia di Finanza non allenti la pressione sul malcostume.

A tal fine BSA appoggerà con convinzione le prossime campagne che le Fiamme Gialle organizzeranno sul territorio

ha fatto sapere La BSA (The Software Alliance Italia) che rappresenta i vari produttori mondiali di software




Reply